casa di Luigi Pirandello

CASA DI LUIGI PIRANDELLO

“La fantasia abbellisce gli oggetti cingendoli e quasi irraggiandoli d’immagini care. Nell’oggetto amiamo quel che vi mettiamo di noi”.

 

La Biblioteca Luigi Pirandello ha la gestione diretta della Casa Natale ed è stata creata nel 1987 in occasione delle celebrazioni per il 50° anniversario della morte dello scrittore.

Luigi PirandelloLa casa di Pirandello è una costruzione rurale della metà del XVIII sec. a 4 km da Agrigento nella contrada classicamente chiamata dallo scrittore Kaos (dall’arabo Cavusu che significa arco, insenatura).

Posta su un altopiano di argille azzurre dinnanzi al mare africano gode di un magnifico panorama sia del Mediterraneo che della città di Agrigento. In questa villa la famiglia Pirandello trovò rifugio dalla grave epidemia di colera del 1867 anno della nascita del drammaturgo.

L’ultima sua visita risale al 1934 anno dell’assegnazione del premio Nobel per la letteratura, due anni prima della morte che lo colse a Roma nel sua casa di via Bosio l’8.12.1936.

Le ceneri di Pirandello poste in un cratere attico a colonnette del V sec. a.C. che egli aveva ricevuto dalla famiglia nell’estate 1924 alla morte del padre, furono traslate nel 1946 dal Cimitero del Verano di Roma al museo Civico di Agrigento, dove rimasero fino al 1956 allorché in occasione della ricorrenza del ventennale della morte, furono sistemate all’interno della casa Natale. La casa intanto che era stata danneggiata nel 1944 in seguito allo scoppio di un deposito di munizioni americano, venne dichiarata monumento nazionale nel 1949, quindi fu acquistata nel 1952 dalla Regione Siciliana insieme all’area del pino e della strada di collegamento. Un cippo raccolto dalla Rupe Atenea e ritoccato dallo scultore emiliano Marino Mazzacurati ospita come da sue volontà, l’urna cineraria dal 1961 quando alla presenza delle autorità, dei familiari e da illustri personalità della cultura come Quasimodo, Sciascia, Marta Abba fu murata secondo i suoi voleri. “…che la mia morte passi in silenzio…. il mio corpo venga bruciato e di me nulla rimanga, ma se non se ne può fare a meno che le mie ceneri vengano murate all’interno di una rozza pietra nella campagna di Girgenti ove io nacqui”

Dal 1987 la Casa Natale è un Museo della Regione siciliana. Ospita mostre temporanee dedicate al Maestro e stabilmente una vasta collezione di cimeli, fotografie, lettere, recensioni e onorificenze, libri in prima edizione, con dediche autografe, quadri d’autore dedicati, locandine delle opere pirandelliane più famose rappresentate in tutto il mondo.

Il celebre pino solitario ove il poeta cadde come una lucciola nel 1867 è stato irrimediabilmente danneggiato nell’ottobre del 1997 a causa di un fortunale ed è stato successivamente abbattuto ed oggi si trova sezionato ove sorgeva.

Info orari

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

    Libri consigliati per te!

    Translate »